Dott. Camilla Barba

Psicologa Psicoterapeuta

Aree di intervento

PER L’ETA’ EVOLUTIVA

 

Il termine  “età evolutiva” fa riferimento al periodo di vita che va dalla nascita all’adolescenza e che diventa particolarmente impegnativo a causa di numerosi cambiamenti a cui un essere umano è sottoposto e  con cui necessariamente deve confrontarsi.

In questa fase di vita gli esseri umani non sono ancora autonomi e la loro natura “dipendente” li rende particolarmente sensibili alle dinamiche familiari, scolastiche e sociali,  creando spesso una diretta corrispondenza tra ciò manifestano e ciò che accade intono a loro.

La sofferenza psicologica nei bambini e negli adolescenti assume spesso le forme di veri e propri “sintomi” che vanno adeguatamente inquadrati e diagnosticati, soprattutto per prevenire disturbi più gravi in età adulta.

PER L’ETA’ ADULTA

 

L’età adulta è il periodo della durata della vita umana in cui è stata raggiunta la piena maturità fisica e intellettuale. L’età adulta è comunemente considerata a partire dai 20 o 21 anni. La mezza età, a partire da circa 40 anni, è seguita dalla vecchiaia a circa 60 anni.

Le capacità di regolazione delle emozioni sembrano aumentare durante l’età adulta. Gli adulti più anziani riportano meno emozioni negative, nonché maggiore stabilità emotiva e benessere rispetto ai giovani. 

Il disturbo dello spettro autistico (ASD) è una condizione evolutiva complessa che comporta sfide persistenti nell’interazione sociale, nella parola e nella comunicazione non verbale e comportamenti limitati / ripetitivi. Gli effetti dell’ASD e la gravità dei sintomi sono diversi in ogni persona.

L’ASD di solito viene diagnosticato per la prima volta durante l’infanzia con molti dei segni più evidenti che si presentano intorno ai 2-3 anni, ma alcuni bambini con autismo si sviluppano normalmente fino all’infanzia quando smettono di acquisire o perdere abilità acquisite in precedenza. Secondo il CDC, si stima che un bambino su 59 abbia autismo. Il disturbo dello spettro autistico è anche tre o quattro volte più comune nei maschi che nelle femmine, e molte ragazze con ASD mostrano segni meno evidenti rispetto ai maschi. L’autismo è una condizione permanente. Tuttavia, molti bambini con diagnosi di ASD continuano a vivere una vita indipendente, produttiva e soddisfacente.
Mentre i bambini non sono in genere guariti né superano l’autismo, gli studi hanno dimostrato che i sintomi possono migliorare con la diagnosi e il trattamento precoci. Non esiste un singolo trattamento per l’autismo. I trattamenti possono includere sessioni intensive di formazione di abilità e insegnamento, note come analisi comportamentale applicata (ABA) e molte altre versioni interattive e incentrate sui trattamenti comportamentali. Il trattamento può comprendere anche una formazione e un supporto speciali per i genitori, la terapia del linguaggio e del linguaggio, la terapia occupazionale e / o la formazione delle abilità sociali.

Il disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD) è uno dei disturbi mentali più comuni che colpiscono i bambini. L’ADHD colpisce anche molti adulti. I sintomi dell’ADHD comprendono disattenzione (non essere in grado di mantenere la concentrazione), iperattività (movimento in eccesso che non si adatta all’impostazione) e impulsività (atti affrettati che si verificano nel momento senza pensare).

Si stima che l’8,4 per cento dei bambini e il 2,5 per cento degli adulti abbiano l’ADHD.1,2 L’ADHD viene spesso identificato per la prima volta nei bambini in età scolare quando provoca interruzioni in classe o problemi con i compiti scolastici. Può anche interessare gli adulti. È più comune tra i ragazzi rispetto alle ragazze.
La terapia comportamentale e i farmaci possono migliorare i sintomi dell’ADHD. Gli studi hanno scoperto che una combinazione di terapia comportamentale e farmaci funziona meglio per la maggior parte delle persone, in particolare quelle con ADHD da moderato a grave.

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è un disturbo d’ansia in cui le persone hanno pensieri, idee o sensazioni ricorrenti e indesiderate (ossessioni) che le fanno sentire spinte a fare qualcosa in modo ripetitivo (compulsioni). I comportamenti ripetitivi, come il lavaggio delle mani, il controllo delle cose o la pulizia, possono interferire in modo significativo con le attività quotidiane e le interazioni sociali di una persona.

Molte persone hanno pensieri focalizzati o comportamenti ripetuti. Ma questi non interrompono la vita quotidiana e possono aggiungere struttura o semplificare le attività. Per le persone con disturbo ossessivo-compulsivo, i pensieri sono persistenti e le routine e i comportamenti indesiderati sono rigidi e non farlo causa grande angoscia. Molte persone con disturbo ossessivo compulsivo sanno o sospettano che le loro ossessioni non siano vere; altri potrebbero pensare che potrebbero essere veri (noti come scarsa comprensione). Anche se sanno che le loro ossessioni non sono vere, le persone con disturbo ossessivo compulsivo hanno difficoltà a mantenere la propria attenzione sulle ossessioni o a interrompere le azioni compulsive.

Una diagnosi di disturbo ossessivo compulsivo richiede la presenza di ossessione e / o compulsioni che richiedono molto tempo (più di un’ora al giorno), causano grave disagio e compromettono il lavoro, la funzione sociale o altre funzioni importanti. Circa l’1,2 percento degli americani ha un DOC e tra gli adulti sono colpite leggermente più donne che uomini. Il disturbo ossessivo compulsivo inizia spesso nell’infanzia, nell’adolescenza o nella prima età adulta; i sintomi dell’età media compaiono sono di 19 anni.

L’ansia è una normale reazione allo stress e può essere utile in alcune situazioni. Può avvisarci dei pericoli e aiutarci a preparare e prestare attenzione. I disturbi d’ansia differiscono dai normali sentimenti di nervosismo o ansia e comportano eccessiva paura o ansia. I disturbi d’ansia sono i disturbi mentali più comuni e colpiscono quasi il 30 percento degli adulti ad un certo punto della loro vita.

Ma i disturbi d’ansia sono curabili e sono disponibili numerosi trattamenti efficaci. Il trattamento aiuta la maggior parte delle persone a condurre una vita produttiva normale.
L’ansia si riferisce all’anticipazione di una preoccupazione futura ed è più associata alla tensione muscolare e al comportamento di evitamento.

La paura è una risposta emotiva a una minaccia immediata ed è più associata a una reazione di combattimento o fuga: restare a combattere o partire per sfuggire al pericolo.

I disturbi d’ansia possono indurre le persone a cercare di evitare situazioni che innescano o peggiorano i loro sintomi. Le prestazioni lavorative, il lavoro scolastico e le relazioni personali possono essere influenzate.
Esistono diversi tipi di disturbi d’ansia, tra cui disturbo d’ansia generalizzato, disturbo di panico, fobie specifiche, agorafobia, disturbo d’ansia sociale e disturbo d’ansia da separazione.

Il primo passo è consultare il medico per assicurarsi che non ci siano problemi fisici che causano i sintomi. Se viene diagnosticato un disturbo d’ansia, un professionista della salute mentale può lavorare con te sul miglior trattamento. Sfortunatamente, molte persone con disturbi d’ansia non cercano aiuto. Non si rendono conto di avere una malattia con trattamenti efficaci.

Sebbene ogni disturbo d’ansia abbia caratteristiche uniche, la maggior parte risponde bene a due tipi di trattamento: la psicoterapia o “terapia del parlare” e i farmaci. Questi trattamenti possono essere somministrati da soli o in combinazione. La terapia cognitivo comportamentale (CBT), un tipo di terapia del linguaggio, può aiutare una persona a imparare un modo diverso di pensare, reagire e comportarsi per aiutare a sentirsi meno ansiosi. I farmaci non cureranno i disturbi d’ansia, ma possono dare un significativo sollievo dai sintomi. 

Una persona con disturbo d’ansia sociale ha una significativa ansia e disagio nell’essere imbarazzata, umiliata, respinta o guardata dall’alto in basso nelle interazioni sociali. Le persone con questo disturbo cercheranno di evitare la situazione o di sopportarla con grande ansia. Esempi comuni sono l’estrema paura di parlare in pubblico, incontrare nuove persone o mangiare / bere in pubblico. La paura o l’ansia causa problemi con il funzionamento quotidiano e dura almeno sei mesi.

Una persona con disturbo d’ansia da separazione è eccessivamente paurosa o preoccupata della separazione da coloro a cui è attaccata. La sensazione va oltre ciò che è appropriato per l’età della persona, persiste (almeno quattro settimane nei bambini e sei mesi negli adulti) e causa problemi di funzionamento. Una persona con disturbo d’ansia da separazione può essere costantemente preoccupata di perdere la persona più vicina a sé, può essere riluttante o rifiutarsi di uscire o dormire lontano da casa o senza quella persona, o può sperimentare incubi sulla separazione. I sintomi fisici del disagio si sviluppano spesso durante l’infanzia, ma i sintomi possono portare anche nell’età adulta.

Una fobia specifica è la paura eccessiva e persistente di un oggetto, una situazione o un’attività specifici che generalmente non sono dannosi. I pazienti sanno che la loro paura è eccessiva, ma non possono superarla. Queste paure causano tale angoscia che alcune persone fanno di tutto per evitare ciò di cui hanno paura. Esempi sono la paura di volare o la paura dei ragni.

La depressione (disturbo depressivo maggiore) è una malattia medica comune e grave che influisce negativamente su come ti senti, sul modo in cui pensi e su come agisci. Fortunatamente, è anche curabile. La depressione provoca sentimenti di tristezza e / o perdita di interesse per le attività che una volta godevano. Può portare a una varietà di problemi emotivi e fisici e può ridurre la capacità di una persona di funzionare sul lavoro e a casa.

I sintomi della depressione possono variare da lievi a gravi e possono includere:

Sensazione di tristezza o umore depresso
Perdita di interesse o piacere nelle attività una volta godute
Cambiamenti dell’appetito: perdita di peso o guadagno non correlato alla dieta
Difficoltà a dormire o dormire troppo
Perdita di energia o aumento della fatica
Aumento dell’attività fisica senza scopo (ad esempio, strizzare la mano o stimolazione) o movimenti e linguaggio rallentati (azioni osservabili da altri)
Sentirsi inutili o colpevoli
Difficoltà a pensare, concentrarsi o prendere decisioni
Pensieri di morte o suicidio
I sintomi devono durare almeno due settimane per una diagnosi di depressione.

Inoltre, le condizioni mediche (ad esempio problemi alla tiroide, un tumore al cervello o carenza di vitamina) possono imitare i sintomi della depressione, quindi è importante escludere cause mediche generali.

La depressione è tra i disturbi mentali più curabili. Tra l’80 e il 90 percento delle persone con depressione alla fine rispondono bene al trattamento. Quasi tutti i pazienti ottengono un po ‘di sollievo dai loro sintomi.

Prima di una diagnosi o di un trattamento, un professionista della salute dovrebbe condurre una valutazione diagnostica approfondita, compreso un colloquio e possibilmente un esame fisico. In alcuni casi, potrebbe essere eseguito un esame del sangue per assicurarsi che la depressione non sia dovuta a una condizione medica come un problema alla tiroide. La valutazione è di identificare sintomi specifici, storia medica e familiare, fattori culturali e fattori ambientali per arrivare a una diagnosi e pianificare un corso di azione. 

La dipendenza è una condizione complessa, una malattia del cervello che si manifesta con l’uso compulsivo di sostanze nonostante conseguenze dannose. Le persone con dipendenza (grave disturbo da uso di sostanze) si concentrano intensamente sull’uso di una o più sostanze, come alcol o droghe, al punto da prendere il sopravvento sulla loro vita. Continuano a usare alcol o droghe anche quando sanno che causerà problemi. Tuttavia, sono disponibili numerosi trattamenti efficaci e le persone possono riprendersi dalla dipendenza e condurre una vita normale e produttiva. La dipendenza è una condizione complessa, una malattia del cervello che si manifesta con l’uso compulsivo di sostanze nonostante conseguenze dannose. Le persone con dipendenza (grave disturbo da uso di sostanze) si concentrano intensamente sull’uso di una o più sostanze, come alcol o droghe, al punto da prendere il sopravvento sulla loro vita. Continuano a usare alcol o droghe anche quando sanno che causerà problemi.

Tuttavia, sono disponibili numerosi trattamenti efficaci e le persone possono riprendersi dalla dipendenza e condurre una vita normale e produttiva.

 

La personalità è il modo di pensare, sentire e comportarsi che rende una persona diversa dalle altre persone. La personalità di un individuo è influenzata da esperienze, ambiente (ambiente, situazioni di vita) e caratteristiche ereditate. La personalità di una persona in genere rimane invariata nel tempo. Un disturbo di personalità è un modo di pensare, sentire e comportarsi che si discosta dalle aspettative della cultura, causa angoscia o problemi di funzionamento e dura nel tempo
Esistono 10 tipi specifici di disturbi della personalità. I disturbi della personalità sono modelli di comportamento a lungo termine ed esperienze interiori che differiscono significativamente da ciò che ci si aspetta. Il modello di esperienza e comportamento inizia dalla tarda adolescenza o nella prima età adulta e causa angoscia o problemi di funzionamento. Senza trattamento, i disturbi della personalità possono essere di lunga durata
Alcuni tipi di psicoterapia sono efficaci nel trattamento dei disturbi della personalità. Durante la psicoterapia, un individuo può acquisire conoscenze e conoscenze sul disturbo e su ciò che sta contribuendo ai sintomi e può parlare di pensieri, sentimenti e comportamenti. La psicoterapia può aiutare una persona a comprendere gli effetti del proprio comportamento sugli altri e imparare a gestire o affrontare i sintomi e a ridurre i comportamenti che causano problemi di funzionamento e relazioni. Il tipo di trattamento dipenderà dallo specifico disturbo di personalità, dalla sua gravità e dalle circostanze dell’individuo.